Gli incentivi del Decreto Rilancio per il settore Automotive

È stato approvato dal governo in nuovo Decreto Rilancio, dove l’obiettivo non è solo quello di rafforzare delle risorse finanziarie per l’ecobonus funzionale d’acquisto di nuove auto aventi limiti di emissione C02 inferiori a 60 g/km, ma ha anche come scopo quello di creare un ulteriore plafond destinato alle auto Euro 6 a prescindere dal tipo di alimentazione. Tutto ciò ha l’obiettivo di sostenere case costruttrici e concessionarie ufficiali per lo smaltimento degli stock di autoveicoli invenduti in seguito alla grave crisi derivata dal Covid-19. La nuova disposizione resterà in vigore fino al 31 dicembre 2020. Il decreto vale 55 miliardi di euro, ma per il settore automotive,  sono stanziati solo 50 milioni. Il decreto, oltre ad occuparsi degli incentivi per gli Euro 6, si occuperà di aumentare l’ecobonus e diapplicare uno sconto sull’usato.

Il decreto consiste nell’introdurre un bonus per chi acquisterà un veicolo nuovo di fabbrica  pari a 3.500 euro con rottamazione di un veicolo con  più di 10 anni, o a 1.750 euro senza rottamazione, di un bonus fino a 10.000 euro per l’acquisto di auto elettriche e fino a 6.500 euro per l’acquisto di auto ibride, e di un bonus fino a 4.000 euro per l’acquisto di moto e motorini elettrici o ibridi con rottamazione di un mezzo, o fino a 3.000 euro senza rottamazione. Sostanzialmente, la misura del bonus dipende da due fattori: dall’impatto ambientale del veicolo che si intende acquistare e se, contestualmente all’acquisto, viene rottamato o meno un vecchio mezzo della stessa categoria omologato alle classi Euro 0, 1, 2, 3 e 4.

Fonte: https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2020/07/16/incentivi_auto_il_decreto_rilancio_passa_anche_al_senato_ecco_i_modelli_che_accedono_al_bonus.html

 

decreto-rilancio

Posted in Notizie di Settore.